Due termini legati tra loro da un rapporto indissolubile secondo il mio parere.
Due parole che racchiudono significati profondi, Empatia e Arte.
Ogni forma di arte genera Empatia per me.

Ma come viene definita l’Empatia?
Essa indica un tipo di percezione vissuta antropomorficamente di fronte a oggetti.
Tuttavia Io non intendo questa percezione solamente davanti ad oggetti, ma di fronte all’Arte in ogni sua forma. Anche la musica, per esempio, sebbene non sia espressamente un oggetto ci dona Empatia.

Ritengo però, che bisogna essere accorti per accogliere dentro di sé l’Arte.

“Il Saper dell’arte”

Essere in possesso di quel tipo di sensibilità che ci permette di saper cogliere i vari messaggi che l’Arte ci dona.
Saper osservare, sentire, accoglierne la magia, la completezza, la luce che ci permette di essere parte di essa.

Chiediamoci allora cos’è la vita senza l’arte?

Essa é come un recipiente senza colore, un vaso senza i suoi fiori, ciotola senza un contenuto, è un involucro senza personalità con natura a sé stante priva di vita.

Empatia per l’Arte appunto, per sottolineare ancora di più la necessità e la fortuna di averla, di riconoscerla, di viverla con gli altri, apprezzandola, scambiandoci pareri, lodarla e viverla sempre ogni giorno di più. 

Arte e curiosità

Saper essere curiosi ci permetterà di entrare in empatia con lei, parlo di ogni tipo di arte, dalla scrittura, pittura, musica, danza, scienza.
Portare l’arte con noi nel mondo e diffonderla fra i popoli, affinché tutti possano conoscerla e cercarla.

Curiosità è la parola giusta per approcciarsi ad una passione, la tua, l’unica e diversa per ciascuno di noi, ma vera.
Passione anche per condividerla con gli altri e imparare a capirla,  ad amarla e a espanderla come un tesoro che hai tra le mani.

Approfondire il concetto della cultura, dell’Arte e della Scienza come luce per noi.

*Photo by Heidi Yanulis on Unsplash